Yoga e raffreddore: la posizione del leone.

Torniamo a parlare del male di stagione, il raffreddore e di come affrontare una accurata prevenzione, oltre che con il lavaggio delle narici e l'assunzione di integratori per innalzare le capacità immunitarie dell'organismo. 

Lo yoga offre, nel suo ampio apparato di asana, alcune posture che contribuiscono a ripulire i setti nasali e le prime vie respiratorie, migliorandone il funzionamento. 
Prendo spunto da questo post del 2007 dal blog Yoga Sutra di Gianni Lombardi per parlarvi di Simhasana, la posizione del leone. 
Ricordo ancora la prima volta che l'ho eseguita, oramai diversi anni fa. Essendo una forma un po' ridicola, la mia insegnante, colse l'occasione di una mancanza di luce per farci fare questa pratica, al buio quindi. C'ho alleggerì l'effetto di buffo che porta con sé. 

Esecuzione:
  1. sedersi sui talloni puntando a terra le dita dei piedi se possibile, ginocchia divaricate, busto leggermente piegato in avanti, mani sulle ginocchia, dita delle mani aperte, premere con il palmo sulle ginocchia. Occhi chiusi. 
  2. Inspiro lentamente dalle narici
  3. Espiro spalanco la bocca spingendo fuori la lingua al massimo, producendo un suono di gola come il ruggito del leone ahhhhhh contemporaneamente strabuzzo gli occhi guardando la radice del naso, spingo bene le mani sulle ginocchia. 

Da ripetere più volte come tecnica di purificazione Kriya.

Benefici: migliora la funzionalità del fegato, cura l'alitosi, migliora la digestione ed è utile per abbassamento della voce, per la vista e udito. 

Se ne parla anche qui: 

Fonti: Gabriella Cella Al Chamali, Yoga e Salute, per curarsi con la tecnica orientale, Bompiani, 2003